BENVENUTO

Benvenuto sul sito della Soc. Coop. Sociale “Il Faro”.

Tutti – spero, ma almeno i cristiani- rimaniamo inorriditi alla notizia alquanto moderna di buttare i neonati nei cassonetti dell’immondizia (lo stesso dicasi per i tanti eliminati dalla legge 194 sull’aborto). I figli-roba da ‘buttare nella spazzatura’! E quante volte davanti a certe immagini, racconti, situazioni, esclamiamo con sdegno e smarrimento: “ Ma come si può?” “Ai nostri tempi, ancora queste cose?” “ Ma è mai possibile?” Sì, purtroppo, è scandalosamente possibile!
Ma cosa è possibile? Quello che non dovrebbe accadere! Negare, togliere, derubare gli innocenti e i più deboli dei loro diritti essenziali per la vita.

Un paradosso sociale.
Quello che osserviamo quotidianamente ci pone davanti ad un grande paradosso: da una parte vediamo una società che progredisce in un modo strabiliante, crea benessere, fa conquiste scientifiche come non mai; dall’altra, una tendenza opposta che mostra regredire continuo degli usi e costumi sociali e la perdita di valori morali fondamentali.

Un prodotto dei nostri tempi.
Una volta gli orfani e le vedove erano il prodotto principale delle guerre. Da un po’ di tempo nelle nostre nazioni non vi sono delle “guerre tradizionali” ma a produrre un nuovo tipo di “orfani” e “ vedove” sono quelle strutture sociali, oggi divenute, disfunzionali.
Tutte persone alle quali qualcun’altro si è negato. Quando un nucleo familiare si sgretola a pagare le conseguenze maggiori sono sempre i più deboli; quelli che, per il loro status sociale, hanno bisogno di tutela.

“Sordità morale”
Da sempre, di fronte a questa “sordità morale” dell’umanità, Dio si è rivelato come ‘ il Padre degli orfani e difensore delle vedove’( Salmo 68:5). La sua mano di misericordia e consolazione tesa a favore dei bisognosi è stata ed è formata da tutti coloro che hanno fatto della volontà di Dio la loro base morale e ad essa rispondono ed ubbidiscono con le loro azioni- ‘Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinchè vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli’ ( Matt. 5:15).

Coloro i quali trovano la Parola di Dio carica di senso, vivono una spinta intensa verso il proprio prossimo. ‘La religione pura e senza macchia davanti a Dio e Padre è questa:soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e conservarsi puri dal mondo’ ( Giacomo 1:27).

Necessità di imparare.
‘Imparate a fare il bene; cercate la giustizia, rialzate l’oppresso, fate giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova!’ ( Isaia 1:17). Per natura siamo nemici di Dio ( Romani 1:10), ma per Grazia sua siamo riscattati ed il tempio dello Spirito Santo. A noi viene rivolto l’invito ad imparare a fare il bene in tutte le sue forme.
Attenzione al monito: ‘Chiunque può fare il bene e non lo fa commette peccato’ ( Giacomo 4:17).